Israele : un popolo unico e speciale

 

Se provassimo a fare un parallelo, tra la durata di un giorno ( 24 ore ) ed il tempo trascorso dalla creazione del primo uomo ( Adamo ) fino ai nostri giorni e sommando quelli che mancano al ritorno di Gesù Cristo sulla terra, vedremmo che la storia del popolo d'Israele copre circa 22 ore su 24. Affermare che la storia di questo popolo, rappresenti una sorta di orologio che scandisce il tempo di questo nostro mondo, per molte persone potrebbe sembrare un accostamento sproporzionato, considerando l'attuale situazione mondiale.

Non esiste popolo o civiltà  al mondo che abbia conservato la propria identità razziale e religiosa per così lungo tempo (circa 3500 anni), per questo motivo non è esagerato affermare che esso è "un popolo unico e speciale". 

Dei regni storicamente più famosi e importanti ( Egiziano, Persiano, Greco e Impero Romano ) a testimoniare la loro esistenza, restano,  oltre al racconto degli storici, solo un po' di costruzioni ( monumenti celebrativi. templi, ponti, porzioni di mura di città, acquedotti,strade . . . ). Israele invece è stato ed è diverso da tutti i popoli che l'hanno preceduto; esso oltre aver conservato la propria identità, ha conservato anche la propria terra, esso ancora oggi dimora nella terra che fu dei loro padri: tutto ciò ha del miracoloso.

Qualche domanda potrebbe nascere spontanea : " Quale sarà mai il segreto della loro longevità? Sono diversi da tutti gli altri, sono una razza superiore? . . . Per poter avere  una risposta veritiera a queste domande, esiste un solo modo per farlo: leggere quell'unico libro di storia, la Bibbia, che ci è stata donata da Colui che è la storia, il nostro Creatore. Il racconto biblico, per buona parte, è imperniato sulla storia di questo popolo e del rapporto che esso ha avuto col suo Dio, un rapporto quasi sempre conflittuale e doloroso, per quanto riguarda il passato e il presente, ma che sarà meraviglioso e glorioso per il futuro.

Leggendo la Bibbia noteremo che essi non sono diversi dagli altri nella loro natura, ma sono unici perchè Dio nella Sua misericordia li ha scelti e adottati fra tutti e li ha elevati alla grande responsabilità ed onore di essere, in qualità di Suo popolo la "luce delle nazioni". Israele sussiste ancora oggi non per meriti propri, ma perchè Dio è stato fedele al patto fatto con il loro progenitore Abramo, Dio promise a quest'uomo amato una progenie come la sabbia del mare e una terra in cui essa potesse abitare.

Cari lettori, ci sono alcuni motivi particolari che ci hanno motivato a parlarvi della storia d'Israele: primo perchè, avendo Dio scelto di legare il Suo nome alla loro storia di popolo, più noi conosceremo la loro vita e ancora di più impareremo a conoscere Dio, il Suo carattere e la Sua volontà.

Secondo, perchè nonostante tutto quello che sia successo durante il periodo nazista, nel mondo c'è ancora un forte sentimento di odio e di disprezzo verso gli Ebrei, a motivo dell'ignoranza da parte di molti, della verità storica sia politica che religiosa. Il mondo deve conoscere che l'Iddio dei cristiani è in primo luogo ancora " L'Iddio di Abramo, D'Isacco e di Giacobbe", come Lui stesso si definisce, per cui colui che insensatamente odia e combatte Israele si troverà prima o poi a combattere contro l'Iddio onnipotente.

Il terzo motivo è legato al ruolo e alla posizione che, secondo quello che la profezia biblica ci fa conoscere, Israele avrà prima e dopo il ritorno di Gesù sulla terra.

Raccomandiamo vivamente ai nostri lettori che desiderano conoscere tutta la verità, di seguirci nel leggere personalmente i libri e i capitoli della Bibbia che di volta in volta consiglieremo di leggere.  Se non avete in casa una Bibbia personale, vi invitiamo di consultare la Bibbia on-line che abbiamo pubblicato nella pagina di questo sito intitolata “ Leggi la Bibbia “.